You are currently browsing the category archive for the ‘Ripetute con recupero affaticante’ category.

E così blogger si ha mangiato i post e i relativi commenti, compresi quelli dei post di due giorni fa.

Dove eravamo rimasti.
12/05/2011 GIOVEDÌ – Stretching12′
Corsa lenta 10 km su percorso leggermente ondulato nel prato della pineta . Il primo chilometro parto piano camminando e poi in leggera progressione fino ai 4’30”. Dal quarto chilometro in poi il lento si è trasformato quasi in un medio (come al solito) ma con un po’ di attenzione riesco a limitare i danni mantenendo un passo quasi uniforme fino al settimo, effettuando una progressione vera e propria solo negli ultimi tre chilometri, arrivando di poco sotto i 4’00”. I muscoli si devono ancora abituare alla corsa in giorni consecutivi e mi rendo conto che senza lo stretching sarebbe stato impossibile terminare l’allenamento.

13/05/2011 VENERDÌ – Stretching 20′ + 10′ corsa lenta (riscaldamento)
Dopo i tre giorni precedenti di corsa lenta, oggi voglio provare un bellissimo lavoro che eseguo con molto piacere. Lessi di questo allenamento nel 2008 sul libro di Luca Speciani ” Mente & Maratona”, si tratta delle ripetute con recupero affaticante. E’ un tipo di lavoro straordinario che riesce a far percepire la stanchezza in maniera completamente diversa rispetto al lavoro delle ripetute classiche.  Questi i tempi al km:
4’09”-4’12”-3’51”-4’14”-4’11”-3’53”-4’13”-4’11”-3’49”. Al termine, nei primi minuti di defaticamento avevo un po’ di fiatone.
Garantisco che oggi la voglia di accelerare non c’era.

Annunci

Categorie