You are currently browsing the category archive for the ‘deriva cardiaca’ category.


Ore 07:00 
Giro in città – percorso vario
Scarpe – Pulse 3


– stretching 15′
– corsa km 14,310 1h04′ (al km 4’28”) FCmedia 139 bpm
– passaggi:
-5’08”-4’38”-4’34”-4’23”-4’22”-4’22”-4’23”-4’37”
-4’18”-4’25”-4’27”-4’31”-4’24”-4’05-1’15″(310m)
– defaticamento 10′
– stretching 15×1′
– addominali  5 x 10 
– superiori, superiori + inferiori, sup+inf,obliqui dx, obliqui sx

Sono le sette, questa mattina i raggi del sole sono già svegli da un pezzo e stanno fiondando una bella temperatura, bollente, 28 °.
Amo questo caldo, mi sento bene e ho voglia di correre.
Dopo lo stretching mi avvio in strada, compio i primi minuti camminando, e in leggera progressione mi avvio in corsa per un’ora di allenamento.
Il primo chilometro presenta un dislivello non molto difficile ma sono ancora freddo e mi limito ad un andatura adeguata. Battiti sempre bassi, inchiodati a 110 per minuto.
Secondo chilometro, la salita termina e i battiti si sono avvicinati a 122 per minuto, accelero un po’, va già meglio.
La temperatura da un grosso aiuto a svegliare il motore, questa mattina è una goduria. 
Terzo chilometro, i battiti segnalano un leggero rialzo e confermano quanto sta avvenendo. Questa mattina viaggio a regime molto in fretta . 
Quarto chilometro, la velocità inizia ad essere ai limiti di una giusta intensità per un lento e mi limito a tenerla costante.

I battiti sono 135 per minuto, segno che anche se son bello caldo e sento che posso far girare le gambe più velocemente, la deriva cardiaca rispetta la normale progressione fisiologica di incremento, e suggerisce un attimo di tregua. 

Nel quinto, sesto e settimo chilometro rimango costantemente allo stesso passo, ma la deriva cardiaca sale e si porta al giusto livello, 139 bpm. 
Ottavo chilometro, nuova pendenza un po’ lunghetta.
Nono chilometro nuovo incremento di velocità. 
Decimo, undicesimo, dodicesimo e tredicesimo chilometro, presentano qualche altra salita, ma fungono da massaggio, oggi si vola. 
L’ultimo chilometro lo eseguo in leggera progressione stimolando ancora un po’ il cuore, ma non troppo. Domani ho un’altra seduta aerobica e dopodomani un carico, non devo esagerare.
Sensazioni: meravigliose. Alla grande. 

Categorie