Allenamento del 06/07
Pista-campo scuola 19.00

– stretching 10′
– riscaldamento in corsa leggera 1 km a 5′
– corsa lenta 3 km a 4’50″/4’40″/4’30”
– allunghi 4x100m
– 6×1000 3’29″/3’36″/3’37″/3’40″/3’39″/3’37” recupero corsa lenta per 2’30”
– corsa lenta 1 km a 4’30”
– defaticamento in corsa leggera 1 km a 5′
– stretching 10′

Altro recupero totale della seduta di mercoledì, grazie ai 30′ di corsa leggera corsi ieri a fine serata.
Mi sento benissimo e non vedo l’ora di cambiarmi per iniziare la seduta odierna.
Arrivato a questo punto continuo a curare i carichi di lavoro che fino a qualche settimana fa stentavano a venir fuori. Per questo scopo oggi la scelta cade sulle ripetute da 1000 metri per un totale di 6km.

Giusto il tempo degli esercizi necessari di stretching e via in corsa leggera per il riscaldamento prima di cambiare il ritmo alla velocità della corsa lenta che oggi effettuo con 3 chilometri in progressione, percorsi in totale controllo ed elasticità.
Cambio di ritmo finale e si entra nello specifico odierno. Qualche allungo da 100 metri ad una velocità leggermente superiore a quella delle ripetute. Buone sensazioni.
Parto per il primo 1000. Non mi sembra vero le gambe girano veramente bene, sarà la sensazione della prima ripetuta, le gambe sono ancora fresche e pare di non forzare più di tanto ma al termine dei due giri e mezzo mi rendo conto di aver esagerato un pò troppo, 3’29”. Due minuti e mezzo di recupero in corsa lenta e riparto per il secondo 1000. Altro cambio di ritmo, ma stavolta cerco di tener a bada un passo più vicino possibile a quello previsto. Bene anche in questa seconda prova ed il tempo va già meglio, 3’36”. Si sente eccome che ho cambiato marcia ma la goduria supera la fatica. Terzo 1000, le gambe girano benissimo. Non avverto la fastidiosa fatica di qualche giorno fa o meglio, la fatica c’è sempre ma la sopporto meglio. Bene, 3’37”. Quarto 1000, adesso la sensazione è un po’ strana perché per il semplice fatto di non avvertire difficoltà non riesco più a rendermi conto del giusto ritmo, pensavo d’aver perso troppi secondi ma sono perfettamente nel tempo obiettivo, 3’40”. Quinto 1000, adesso la fatica inizia a farsi sentire ma ormai ci siamo, finita questa ne manca solo una, 3’39”. Sesto 1000. Bene, benissimo ancora qualche centinaio di metri e il lavoro è concluso, 3’37”.
E si, quando si sta bene tutto fila liscio e la tentazione di fermarsi prima del termine non appare.
Anello esterno, defaticamento con 1 chilometro in corsa lenta a 4’30” seguito da 1km di corsa facile a 5′ per riaccompagnare il corpo alla normale condizione di riposo, qualche esercizio di stretching e per oggi può bastare.