You are currently browsing the monthly archive for ottobre 2010.

>

21/10 1h di collinare – corsa lenta
22/10 warm-up 2500m ,14km fondo medio in pista 57’49” – 4’08″/km, cool down 2500m

24/10 corsa 1h20′ – dopo 30′ variazioni 8×1′, recupero 2′ corsa lenta.

Già dopo il 2° km avevo le gambe indolenzite. Polpacci pesanti, soprattutto a metà percorso. Ho cercato di mantenere un ritmo da 4’40”-4’50″/km, oggi non ho proprio voglia di forzare. Ottima la scelta di programmare il timer con l’inserimento delle variazioni da 1′. Oggi è una di quelle giornate in cui le gambe tendono a rallentare chilometro dopo chilometro. Le variazioni, sono proprio l’ideale per tenere sveglio il ritmo.
Mi sento molto stanco, sto pagando dazio per gli sforzi profusi da domenica scorsa. La certezza di aver distribuito bene i carichi di lavoro mi rende sereno, devo dare al corpo il tempo necessario per il giusto recupero.

>

MML Isolate Evolutiv
Dopo le continue folate di vento e calo improvviso della temperatura, l’unica soluzione possibile, per uscire a correre senza troppi problemi, è l’utilizzo di indumenti tecnici invernali. Ho collaudato il nuovo acquisto, la maglia termica a maniche lunghe. Tra le interessanti caratteristiche: la buona visibilità anche nei momenti di scarsa illuminazione stradale, la buona libertà dei movimenti, l’ottimo isolamento termico e la traspirabilità.
Appena entra in contatto con la pelle da subito un senso di piacevole calore, e anche dopo 1h40′ di corsa la traspirabilità offre un interno ancora asciutto.

14/10 corsa 50′ – giro collinare su strada
15/10 corsa 35′ + 10×100 in 18″ rec. 1’15” camminando
17/10 fartlek collinare 1h40′ tot. km 22.5 – passaggio al 21°km in 1h34′
18/10 warm-up 2000m + collinare 10km in pineta + cool down 2000m

Mercoledì 20 ottobre 2010 
Oggi. Gran bella seduta di ripetute in pista, unica nota dolente il forte vento. Il programma di oggi prevede un 8×1000 a 3’30/km, che inevitabilmente si trasforma in: 3’28” – 3’29” – 3’31” – 3’34” – 3’33” – 3’33” -3’32” – 3’31”, i recuperi tutti da fermo per 2′. Tempo totale in corsa 1h23′ compreso riscaldamento allunghi e defaticamento. Sono soddisfatto perché nonostante le condizioni del tempo sfavorevoli, sono riuscito ad esprimere tutto il possibile per terminare la seduta positivamente. Ad un mese esatto dalla mezza maratona di Uta, i carichi di lavoro stanno aumentando in qualità e quantità, senza pregiudicare lo stato di forma e il giusto recupero tra una seduta e l’altra. Oltretutto sto avendo un conseguente calo di peso che mi consente un tipo di corsa leggero e decontratto.

QUANTO E’ BELLO CORRERE SOTTO LA PIOGGIA
Mercoledì 13 ottobre 2010

Pausa di una settimana per il Blog, ma non per gli allenamenti:

07/10 corsa 1h a 4’40” sensazioni – stanchezza
08/10 corsa lenta 50′ a 4’30” sensazioni stanco
10/10 risc. 2000m a 4’40” + 12km di medio a 4’03″/km sensazioni – buone
11/10 corsa 50′ comprese le variazioni 6×20″+1’40” sensazioni – buone

Prosegue la preparazione per la mezza maratona di UTA  21/11.

Anche stasera allenamento di qualità, una seduta che mi piace molto, si tratta di un 10000 metri alternato, corso in pista con 1000m a 3’40” e 1000m a 4’30”.
Warm up 3000m a 4’30”, 5 allunghi da 100m in progressione e via….
Il ritmo dei 1000 metri veloce è appena migliore rispetto alla soglia anaerobica, con particolare attenzione a non sconfinare in alte concentrazioni di lattato; mentre il 1000 metri di recupero e eseguito ad andatura aerobica, con particolare attenzione a non sconfinare nel rigenerante. Che dire, gran bella seduta, oltretutto deliziata da una piacevole, leggera, pioggerellina intermittente, guarda caso anche lei alternata.
Segue defaticamento di 3km a 4’30”. Sensazioni Fantastiche.

NON PUÒ ANDARE SEMPRE BENE
Mercoledì 06 ottobre 2010
Ieri sera sono andato ad allenarmi un po’ controvoglia. Ero molto stanco, i troppi problemi dell’ultimo periodo, sommati al cambio di stagione non hanno agevolato un buon riposo. Come dicevo mi sono allenato ugualmente. Ai piedi ASICS GEL-DS Trainer d’obbligo, si, perchè si tratta di un 4 x 2000 in pista. Riscaldamento 3000m a 4’30″/km. Dopo il riscaldamento ho fatto 5 allunghi da 100m in progressione. Già da questi mi rendo conto che non è proprio giornata, ma non posso tirarmi indietro, sarebbe penalizzante dal punto di vista psicologico. Parto per le ripetute:
– 7’08”  ” ma chi me lo fa fare”
– 7’12”  “dai sono già a metà lavoro, ne faccio almeno un’altra poi mi fermo” 
– 7’16”  “ne manca solo una non posso mollare ora”
– 7’18”  “sto cedendo ma ce l’ho fatta”
il recupero costante da 2’30” tranne il penultimo da 3′.
Ho fatto una faticaccia allucinante. Durissima prova, è stata veramente dura. Ho reagito bene, è stata una sfida con me stesso, e sono soddisfatto per non aver mollato.
Per fortuna domani e dopodomani ho solo corsa rigenerante, almeno potrò recuperare.

Categorie